Protezione dei dispositivi
BYOD integrata nella rete.

Sicurezza IT per istituti scolastici


CLIENTE

  • Settore: Istruzione
  • Paese: Paesi Bassi
  • Dimensioni: 6000 studenti
  • Rete: Rete multisede con dispositivi BYOD

OBIETTIVI

  • Restare informati sulla sicurezza della rete
  • Prevenire infezioni della rete causate da dispositivi BYOD

 

LA NOSTRA SOLUZIONE

  • Eccellente percentuale di rilevamento del malware
  • Integrazione semplice di protezione per BYOD nella protezione della rete
  • Limitare l'uso di applicazioni, dispositivi e Internet

VANTAGGI

  • Minore incidenza di infezioni di malware
  • Protezione efficiente dei dispositivi BYOD
  • Risparmio economico grazie a prezzi competitivi

È DIMOSTRABILE CHE LA NOSTRA RETE ORA È PROTETTA MEGLIO. ABBIAMO RISOLTO I NOSTRI PROBLEMI CON I DISPOSITIVI BYOD E POSSIAMO CONTARE SU UN SUPPORTO TECNICO STRAORDINARIO, VIA EMAIL, TELEFONO O SKYPE.

Raymond Bernaert, amministratore IT.

Le reti scolastiche sono vulnerabili per molti tipi di attacchi, causati non solo da attività dannose eseguite sui computer della scuola, ma sempre più spesso dai laptop, dagli smartphone e dai tablet degli studenti.

Gli istituti ROC Kop van NoordHolland e Scholen aan Zee si occupano di istruzione secondaria, istruzione professionale e corsi per adulti con otto diverse sedi a Den Helder, Schagen e Julianadorp (Paesi Bassi). Entrambi gli istituti sono orientati all'apprendimento digitale e hanno investito notevolmente in ambienti e infrastrutture per l'istruzione digitale.

Due anni fa l'istituto Scholen aan Zee ha accelerato questo sviluppo introducendo il progetto Flex-IT, che incoraggia gli studenti a portare a scuola un laptop. Nel 2005 i reparti IT di ROC Kop van Noord-Holland e di Scholen aan Zee sono stati uniti. Il nuovo reparto gestisce l'ambiente IT di entrambe le organizzazioni e supporta oltre 6000 alunni e studenti.

Fino ai tempi recenti, per proteggere la loro rete, le scuole usavano i prodotti di uno dei maggiori fornitori di soluzioni per la sicurezza. “La loro soluzione ci dava una falsa sensazione di sicurezza,” secondo l'amministratore IT Raymond Bernaert. “Raramente il software forniva notifiche, così pensavamo, sbagliando, che la nostra rete fosse sicura.”

La sfida maggiore è stata quella dei laptop degli studenti. Era già successo che le scuole dovessero affrontare degli attacchi di malware, riconducibili alla politica BYOD. “È stata attaccata la nostra Active Directory. Il malware continuava a cercare di accedere usando diverse password. Dopo tre tentativi falliti, gli account vengono bloccati. Così, in pochi minuti, siamo rimasti fermi con centinaia di account Active Directory bloccati, tutti da sbloccare uno per uno manualmente,” racconta Bernaert. “Dipendenti e studenti senza nulla da fare... una perdita di tempo inaccettabile.” Inoltre, abbiamo scoperto che era difficile per gli studenti installare sui loro computer una soluzione di protezione adeguata. Dato che i laptop sono di proprietà degli studenti, le scuole non potevano usare le proprie licenze software.

SOLUZIONE: INTEGRAZIONE SEMPLICE DI PROTEZIONE PER BYOD NELLA PROTEZIONE DELLA RETE

A questo punto le scuole hanno deciso di cominciare a cercare una nuova soluzione per la sicurezza. La futura soluzione doveva offrire alte percentuali di rilevamento del malware, adeguate possibilità di distribuzione sui dispositivi privati degli alunni e costi di licenza accettabili. Ben presto il reparto IT si è imbattuto in G DATA. “Abbiamo cominciato a testare i loro prodotti e abbiamo subito notato percentuali di rilevamento del malware molto più alte se confrontate con la soluzione in uso,” dichiara Bernaert. “Inoltre G DATA offriva una soluzione che riduceva i rischi associati ai laptop dei ragazzi. Hanno fatto un'offerta che ci consentiva di acquistare licenze scontate per i dispositivi privati di tutti i nostri studenti e dipendenti. A partire dall'anno prossimo, installeremo G DATA come soluzione predefinita su tutti i laptop. Quindi, ogni PC che desidera accedere alla nostra rete dovrà installare il programma.”

Dopo avere scelto G DATA, Bernaert ha frequentato uno dei corsi gratuiti organizzati dal fornitore. Durante il corso, il suo interesse è stato attirato da PolicyManager, un componente della soluzione completa G DATA Endpoint Protection Business. “PolicyManager risolve i problemi con cui ci confrontiamo tutti i giorni. I ragazzi svolgono le verifiche scolastiche sui loro laptop, ma alcune applicazioni sono proibite, come il correttore ortografico di Word e l'accesso a Internet. PolicyManager permette di bloccare facilmente le applicazioni, così gli insegnanti sono tranquilli e non devono monitorare tutti i laptop durante la verifica.”

VANTAGGI

Anche se per il momento non tutti i moduli di Endpoint Protection Business sono stati distribuiti, i benefici sono già evidenti. Bernaert: “È dimostrabile che la nostra rete ora è protetta meglio. Abbiamo risolto i nostri problemi con i dispositivi BYOD e possiamo contare su un supporto tecnico straordinario, via email, telefono o Skype. Ho i numeri di telefono di quasi tutti i dipendenti di G DATA. Hanno perfino promesso di rispondere al telefono anche se chiamo di notte. Per fortuna finora non ci sono state occasioni per controllare se la promessa verrà mantenuta!”