17. febbraio 2017

Cyberbullismo - 0 in condotta

L’iniziativa G DATA vede coinvolti numerosi istituti scolastici e noti professionisti in una campagna contro il cyberbullismo per un uso competente della Rete e dei social network da parte dei giovani e delle famiglie

Come produttore di soluzioni per la sicurezza IT, G DATA tutela da oltre trent’anni PC e device mobili contro le più varie minacce informatiche. Ciò che però nessuna suite di sicurezza può fare, nonostante i filtri web ed una selezione di motori di ricerca adatti ai bambini, è evitare loro incontri spiacevoli sul web o insegnargli come reagire a tale eventualità, oppure prevenire l’uso inadeguato dei nuovi strumenti informatici, spesso foriero di gravi rischi per la privacy e la confidenzialità di informazioni che dovrebbero rimanere appannaggio del nucleo familiare. Proprio per questo motivo G DATA lancia l’iniziativa “Cyberbullismo – 0 in condotta”.

“Come azienda presente sul territorio, per noi è essenziale contribuire alla sensibilizzazione sul corretto uso delle illimitate risorse della Rete tra i giovani, sono loro il nostro futuro”, dichiara Giulio Vada Country Manager di G DATA Italia. Da questo intento nasce la collaborazione con due noti professionisti, Alessandro Mari, consulente di sicurezza IT con una lunga esperienza di formazione presso gli istituti scolastici e Mauro Ozenda, coautore del libro “sicuri in Rete” edito da Hoepli, che condurranno presso altrettanti istituti scolastici 15 workshop con bambini e famiglie del Nord Italia tra febbraio e aprile per poi estendere tale interazione al resto del territorio nel corso dell’anno. Il primo workshop avrà luogo presso l’Istituto Comprensivo Confalonieri di Milano in prossimo 21 febbraio.

Gli incontri rivolti ai bambini e alle famiglie trattano dei rischi e pericoli della Rete e di come prevenirli grazie alla tecnologia. Forniscono altresì indicazioni su come prevenire fenomeni di cyberbullismo, cyberstalking e adescamento online e su come impiegare i social media in modo legale e responsabile, infine su come proteggere la propria sicurezza, privacy e i propri dati digitali oltre a consigli su come valutare la reputazione online e l’affidabilità dei contenuti consultati.

“Siamo molto lieti di riscontrare presso scuole e i professionisti la massima apertura verso la nostra iniziativa”, conferma Vada. “Le numerose adesioni agi eventi pianificati ed il crescente numero di richieste da parte degli istituti scolastici testimoniano quanto la tematica sia sentita e quanto sia necessario fornire informazioni e soluzioni concrete ad un problema, quello dell’uso sicuro delle Rete, all’ordine del giorno in ogni famiglia”.

Un dato di fatto confermato anche dal numero di produttori di sicurezza IT che, indipendentemente dal brand o dal prodotto commercializzato, contribuiscono all’instaurarsi di un uso consapevole del web e dei social network con proprie iniziative a scopo formativo. “Un impegno da cui G DATA non si esime, ma che al contrario affronta con grande entusiasmo", conclude Vada.